Le storielle del principe

L’esistenzialismo di Cioran

L’uomo è un perdente, ma sa anche perdere con onore. Infine, è a questo onore che Cioran si aggrappa, limando le parole, esaltando concetti persino negativi e trovando modo di ironizzare amaramente, ma con un’amarezza controllata, su tutto. Allora, l’uomo è quello che è: un sognatore consapevole di sognare una realtà (forse) impossibile.

Raccolta di scritti su Emil Cioran

Cioran_Thoma2Dal sito di Homolaicus, di Enrico Galavotti, riprendo una breve recensione di Dario Lodi sul “Taccuino di Talamanca”, di cui avevo già parlato in precedenza.

Il Taccuino ci presenta un Cioran insolito a Ibiza: c’è qualcosa concettualmente di più distante da ciò?

Eppure, come dimostra il libro di Friedgard Thoma (Per nulla al mondo. Un amore di Cioran, Edizione l’Orecchio di Van Gogh, 2010) Cioran era in fondo più vitale di quanto traspare dai suoi feroci scritti.

L’esistenzialismo di Cioran

http://www.homolaicus.com/letteratura/cioran.htm

Recentemente, Adelphi ha pubblicato un volumetto di Emil Michel Cioran (romeno, apolide, quasi sempre vissuto in Francia, 1911-1995), a cura di Verena von der Heyden-Rynsch e tradotto da Cristina Fantechi,  intitolato “Taccuino di Talamanca”. Neppure cinquanta pagine, scritte nel 1966 durante un soggiorno ad Ibiza: nella presentazione si precisa che probabilmente esse sono un capitolo dimenticato dei famosi “Quaderni” del Cioran più esistenzialista. Forse ne sono, invece, una specie…

View original post 463 altre parole

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...